Friday, 25 July 2008

Silvio Berlusconi rimane un imbarazzo per la democrazia

(Da "The Observer online", 29th June 2008)

Il grande paradosso della democrazia e` che la liberta` politica di cui ha bisogno per sopravvivere presta soccorso allo stesso tempo ai suoi nemici. Una societa` democratica deve tollerare, fino ad un certo limite, le attivita` dei politici i cui istinti sono fondamentalmente non-democratici.

La prova di questo e` chiara nel fatto che Silvio Berlusconi e` il Primo Ministro liberamente eletto in Italia. Ha superato ora i primi 50 giorni del suo mandato che ha ripreso dopo una parentesi all'opposizione, avendo in precedenza governato dal 1994-95 e 2001-2006. Le sue precedenti presidenze lo videro accusato dagli avversari -ma mai condannato- di corruzione. E` anche stato spesso denunciato di dispotismo, truffe finanziarie e nazionalismi reazionari socialmente separatisti. Ma ha vinto lo stesso.

Il Sig. Berlusconi e` stato eletto su promessa di un revival economico -l'Italia ha una delle economie piu` lente della Eurozone- appoggiata da promesse di combattere il crimine e immigrazione, che il suo partito Forza Italia presenta come una costante emergenza.

Al governo, ha proposto schedature razziali draconiane, prendere le impronte digitali ai bambini di Roma e minacciato di separare dai genitori i bambini che chiedono le elemosina per le strade italiane, misure viste dai leader di altre minoranze come un ritorno al passato Fascista.

Il Sig. Berlusconi e` anche tornato su uno dei suoi preferiti temi legislativi - proteggere se stesso dalle denunce di corruzione che si sono accumulate in questi anni. Vuole approvare una legge che renderebbe immune le alte cariche dello stato, incluso ovviamente se stesso, da provvedimenti giudiziari. Quando provo` ad introdurre la stessa legge nel 2004, la Corte Suprema dichiaro` il provvedimento anti-costituzionale. Ha anche un'altra legge in preparazione che di fatto sospenderebbe per un anno alcuni processi che prevedono una sentenza maggiore ai 10 anni. Uno di questi casi giudiziari, che dovrebbe cominciare il mese prossimo, vede accuse di corruzione contro il Sig. Berlusconi.

Questa agenda e` praticamente una guerra contro il sistema giudiziario e contro quelle sezioni dei media determinate a farlo rispondere di quello che ha fatto (Il Primo Ministro ha un sostanziale controllo sulle televisioni commerciali e usa il suo incarico per influenzare la tv di stato). I giudici che si occupano di lui -dice- sono "un cancro nella nostra democrazia".

E` stato tutto condotto nella solita maniera frizzante e provocatoria che contraddistingue il Sig. Berlusconi che, se non fosse per fatti cosi' sinistri, richiamerebbero alla memoria un mattatore circense.

La leadership di Berlusconi e` una tragedia per gli Italiani, nonostante la verita` scomoda e` che cosi' in tanti lo hanno votato. Questo dovrebbe servire come monito per le altre nazioni dell'Europa occidentale che credono che la loro cultura democratica sia cosi' intrinseca da essere immune da una minaccia interna. Se questo e` il grande paradosso della democrazia, il piu` grande cliche` in politica e` che le nazioni hanno il leader che si meritano. Ma sicuramente l'Italia e l'Europa si meritano di meglio di Silvio Berlusconi.

2 comments:

LuCa said...

mi scaverei una buca e mi ci sotterrerei..a volte mi vergogno di essere italiano..

BECA said...

Berlusconi non è solo un imbarazzo per la democrazia, É UN IMBARAZZO PER TUTTI NOI!!!!!

io Marco vado in ferie..il blog lo lascio per soli 10 giorni.. poi passo ad un dominio tutto mio! :D

ciaociao ;)