Wednesday, 30 April 2008

L'erba del vicino.

Pochi giorni, tante cose da fare, tante persone da vedere. Dai genitori, immancabili, pieni di attenzioni, ai parenti, che ogni volta sembrano (e probabilmente sono) un po' piu` vecchi, e che sempre piu` spesso parlano dei loro malanni, ma sempre sorridendo.

E gli amici. Alcuni piu` presenti (e voi lo sapete chi siete!), altri che forse sono troppo impegnati. E Bologna, sempre diversa, ogni volta che ci ritorno. Cantieri ovunque, case nuove che sorgono in posti impensabili (qualcuno cantava: "la' dove c'era l'erba ora c'e`... una citta-a-a-a-a")!!

Tanti (troppi?) stranieri, ovunque che forse non avendo i comfort di chi sta` meglio si impadroniscono di tutti gli spazi pubblici. E non dico che sia un male, mi limito a riferire come la citta`sia cambiata ai miei occhi.

La primavera, che a Bologna e` veramente arrivata. Gli alberi che coprono le finestre e impediscono di vedere la strada, la campagna con campi di fiori gialli (che fiori saranno?), i campi coperti di erba verde, molto alta. La temperatura, perfetta! Non troppo caldo, non troppo freddo, devo ricordarmi di tornare in Italia in questa stagione anche nei prossimi anni.

E un po' di nostalgia. Per le persone, per i luoghi, per i ritmi di vita. Una nostalgia che so svanirebbe prestissimo, se tornassi indietro, ma che comunque fa pensare che magari, un giorno...

E il ritorno, nel cielo basso e uggioso Londinese, quei 14 gradi che fra il vento e la pioggia sembrano infatti meno di 10; la gente che ha fretta, che non sorride, che non ha pazienza. Ma forse sono io, che devo riprendere il ritmo. Domani probabilmente avro' fretta, non sorridero' e non avro' pazienza.

Tuesday, 29 April 2008

Torno Domani...

Sono tornato ma ricomincero' a "postare" puntuale domani mattina!

Friday, 25 April 2008

Thursday, 24 April 2008

Zattoo... TV tradizionale addio!

Oggi leggendo una rivista ho scoperto di un sito internet chiamato Zattoo. Questo sito consente di vedere in diretta canali televisivi di molte nazioni europee. Le nazioni più interessanti sono quelle che non doppiano i veri film e telefilm, ma si limitano a sottotitolarli lasciando l'audio originale.

Per chi se la cava con l'Inglese è quindi possibile vedersi film e telefilm in lingua originale, spesso molto prima della loro uscita sulle reti generaliste italiane.

Inoltre, sempre tramite questo sito, è possibile seguire in diretta la televisione italiana svizzera che propone programmi in lingua italiana, a mio avviso molto migliori dei nostri.

Oltre ai canali Inglesi (BBC 3 e 4, Channel 4 e five), le nazioni che lasciano film e telefilm in lingua originale presenti su questo sito sono: Belgio, Danimarca, Norvegia.

Per accedere ai canali è necessario scaricare il "player" e registrarsi con un valido indirizzo email e password al sito.

Piccolo problema! Il sito riconosce da dove uno si collega e consente di vedere un numero limitato di canali a seconda del paese da cui ci si collega. Per ovviare a questo "blocco" è necessario usare un proxy anonimo (che non sia riconducibile alla nazione da cui ci si collega)... non ho assolutamente idea di come si riesca a fare, ma forse qualcuno più esperto (Luca?!?) può aiutare...!

Ci sono altri siti che offrono la possibilità di vedere televisioni "live" da tutto il mondo. Uno di questi è Coolstreaming, mentre Joost non offre canali televisivi "live", ma contenuti come episodi di telefilm e film che si possono vedere "on demand".

(Oggi niente foto o video... il PC di mio padre va a carbone e ci vuole troppo tempo!!! Forse domani...!)

Wednesday, 23 April 2008

Facebook

Negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, come nel resto dei paesi anglosassoni sta prendendo piede da ormai un anno un sito chiamato Facebook

Fa parte di quella categoria di siti di cosiddetto "social networking" come per esempio il piu` internazionale MySpace

Vi siete mai chiesti che fine abbiano fatto i compagni di scuola? O un vecchio amore? O un amico di cui da qualche anno si sono perse le tracce? Bene, ecco che tramite facebook e` possibile rintracciare queste persone.

Dopo essersi registrati, in alto a destra si trova una finestra di ricerca dove si puo` inserire il nome e cognome della persona che si vuole trovare e -se questa persona e` registrata- si accede al suo profilo con tanto di foto, e informazioni personali come per esempio il luogo di lavoro, compleanno, etc. Inserendo il nome della propria scuola, per esempio, e` possibile ritrovare tutti coloro che l'hanno frequentata e che hanno aperto una pagina su questo sito.

Andando un passo avanti, e` possibile aggiungere questa persona come "amico" e mandargli un messaggio. Se l'interpellato accetta la nostra richiesta, e` possibile vedere altre informazioni come per esempio le foto che ha caricato o tutti gli amici che ha aggiunto a sua volta, che puo` risultare molto comodo. Se per esempio 5 anni fa abbiamo lavorato brevemente in un ufficio e, nonostante andassimo d'accordo con tutti i colleghi ci ricordiamo nome e cognome di uno soltanto, accedendo alla sua pagina su Facebook possiamo vedere la lista di tutti i suoi amici e colleghi e iniziare una sorta di catena e ritrovare tutte le vecchie conoscenze.

Ci sono poi una miriade di altre funzioni che rendono questo website quasi irrinunciabile negli ambienti di lavoro fra una pausa caffe` e l'altra, tanto che molto spesso le grandi aziende lo "bloccano". Per esempio e` possibile aggiornare il proprio stato per mostrare quello che si sta facendo in quel momento (Accanto al proprio nome appare per esempio: "Marco e` indeciso su cosa cucinare per gli amici questa sera") o aggiungere un test (ce ne sono a migliaia) per poi confrontare i risultati e la compatibilita` con altri "amici".

Nonostante io usi Facebook ogni tanto, trovo che la novita` presto svanisce e magari ci do' un'occhiata una volta a settimana, mentre ci sono dei colleghi, e soprattutto delle colleghe (...!), che al lavoro ce l'hanno sempre acceso!
E in Italia, esiste un sito simile?

Bologna

Questa sera parto per Bologna per alcuni giorni percio` l'aggiornamento del blog potrebbe risultare inconsistente... ma anche no!

Tuesday, 22 April 2008

Che puzza...

Londra giovedi' scorso e` stata invasa dal cattivo odore... L'intero South-East dell'Inghilterra si e` svegliato con questa brutta sorpresa. Nell'aria, invece del profumo dei fiori che, nonostante il clima ancora rigido, stanno incominciando a sbocciare, c'era un forte odore di... letame! In citta`, in campagna, ovunque.


Thames Water che gestisce la maggior parte della rete idrica della regione, e` stata inondata di telefonate, ma loro non centravano. Hanno risposto che un tale odore potrebbe emanarsi solo dopo diversi giorni di un totale tracollo dell'impianto di trattamento delle acque sporche e questo non era assolutamente il caso.

Di chi e` la colpa allora? Del vento pare. Un inconsueto vento che proveniva da Est ha trasportato l'odore di letame dalle campagne francesi e olandesi direttamente oltre la Manica!




Monday, 21 April 2008

Meredith Kercher

Giovedi' sera su Channel 4 e` andato in onda un programma di approfondimento sull'assassinio di Meredith Kercher, studentessa inglese uccisa a Perugia il primo novembre 2007.
Ero un po' distratto perche` stavo preparando da mangiare, ma quello che dicevano era che la polizia italiana, interessata a risolvere velocemente il caso ha piu' volte dichiarato il caso chiuso per poi dover velocemente riavviare le indagini quando nuove prove e testimoni venivano a galla.

Ad oggi, i 3 indiziati rimangono in carcere e il delitto e` ancora irrisolto. Un sociologo spiegava che secondo lui le indagini sono state condotte basandosi troppo sulle analisi scientifiche (analisi del sangue ritrovato, DNA, etc.) piuttosto che usando l'intelletto degli investigatori (alla Colombo o Mrs. Fletcher per intenderci).

Uno dei motivi per cui sono anche interessato a questo caso, a parte il fatto che ad oggi rimane irrisolto, e` che una mia collega qui al lavoro eracompagna di universita` della sorella (quando si dice che il mondo e` piccolo!) e percio` aveva avuto modo di incontrare Meredith in alcune occasioni anche se non la conosceva.

I sospetti:
  • Amanda Knox. Divideva l'appartemento con Meredith, ma non erano amiche. Ha cambiato la sua versione diverse volte, prima dicendo di avere passato la notte a casa del ragazzo (Raffaele Sollecito, anch'egli indagato); quando sono stati scoperti sms che i due si erano scambiati nel lasso di tempo in cui avrebbero dovuto essere insieme, Amanda ritratta e sostiene di essere rimasta in casa ma di non ricordare nulla per via di droghe di cui aveva abusato.
  • Raffaele Sollecito. Ragazzo di Amanda, sostiene di avere passato la notte a casa sua, su Internet, ma gli investigatori dicono che non c'e` stato traffico sul suo computer quella notte; inoltre sospettano che l'impronta trovata nella camera di Meredith e il DNA rinvenuto su un brandello del suo reggiseno appartengano a Raffaele.
  • Rudy Hermann Guede. I test del DNA rivelano che Rudy ha avuto un rapporto con Meredith la notte del suo omicidio e ha usato il bagno subito dopo. Rudy sostiene che il rapporto era conserziente e che in bagno aveva l'iPod nelle orecchie e pertanto non ha sentito l'assassino fare irruzione nella casa. Ha sentito pero` le urla di Meredith e quando e` uscito dal bagno l'assassino l'aveva gia' uccisa e nello scappare lo ha minacciato. Questa la ragione per cui Rudy decide di scappare in Germania dove e` stato poi arrestato il 20 novembre. Secondo me quest'ultimo alibi e` molto scricchiolante perche` le analisi hanno rivelato che Meredith e` morta molto lentamente pertanto Rudy vedendo che Meredith era stata ferita avrebbe chiamato un'ambulanza invece che lasciarla morire.
La mia opinione personale e` che tutti e 3 sono coinvolti e stanno cercando di scaricarsi la colpa a vicenda. Raffaele era con Amanda e Rudy con Meredith. Rudy e Meredith fanno sesso. Raffaele e Amanda sono nell'appartamento, fanno uso di droghe e propongono a Rudy un'orgia. Rudy accetta ma Meredith si rifiuta. C'e` una colluttazione e qualcuno (chi?) appannato dagli stupefacenti finisce con l'ucciderla.
PS: Quasi 2000 visite. Grazie.

Sunday, 20 April 2008

Can't Hold Us Down - Christina Aguilera

Questo è il mio video preferito di Christina Aguilera e lo trovo molto divertente.
Come si può notare dai colori e dalla fotografia, il regista era il famoso fotografo David LaChapelle
In particolare i miei personaggi preferiti di questo video si possono vedere ai minuti 1'18", la tipa piena di "attitude" al minuto 2'10", Lil'Kim 2'27" (fine quando si toglie la mantella! E bellissimo quando si butta indietro i capelli 2'40") e la tipa enorme 3'21"!

Saturday, 19 April 2008

Maxime Le Forestier

Ho usato questa canzone per concludere il mio post su San Francisco lunedi' scorso e non mi esce dalla testa! Piu' l'ascolto, piu' mi piace! Potrebbe essere paragonata ad un' Hotel California versione francese!
Maxime Le Forestier - San Francisco

Friday, 18 April 2008

Berlusconi is Back

Come e` visto il ritorno di Berlusconi dall'estero? Traduco un articolo apparso martedi` scorso sul sito della BBC.

Allora, la gente d'Italia ha richiamato Il Cavaliere, il loro cavaliere in una corazza luccicante, per salvarli nell'ora del bisogno.

Silvio Berlusconi magari e` un cavaliere improbabile - ma si e` guadagnato il suo soprannome molti anni fa e gli e` rimasto. Ora ha ottenuto la terza vittoria elettorale in 14 anni, e ha una comoda maggioranza parlamentare per aiutarlo a trascinare l'Italia fuori dallo stagnamento economico nel quale e` scivolata.

Ma non e` un buffone corrotto, vi potreste chiedere? Corrotto? Beh, ci sono state moltissime accuse - ed investigazioni criminali - ma non e` mai stato condannato. Per quanto riguarda il buffone, beh, forse, ma non c'e` niente di male, sembra pensare Berlusconi, nel fare ridere la gente.

Non dimenticate, Berlusconi e` un bilionario che si e` fatto da solo, e i buffoni non fanno spesso quel genere di fortuna. Il segreto del suo successo elettorale e` stato di persuadere abbastanza Italiani che sara` in grado di rendere l'Italia ricca cosiccome e` riuscito a fare i soldi nei suoi affari privati. L'ultima volta che e` stato eletto, fra il 2001 e il 2006, divento` il primo ministro rimasto in carica piu` a lungo dalla Seconda Guerra Mondiale. Pertanto, se e` un pagliaccio ci deve essere un metodo dietro alla sua apparente instabilita' mentale.

Oggi ha 71 anni, e quando lo vidi nella sua ultima apparizione pre-elettorale, pensai che sembrasse stanco e sorprendentemente privo di entusiasmo al pensiero del compito che una vittoria gli avrebbe riservato. Ma ora si gode il successo e la popolarita` - quando il margine di vittoria e` stato chiaro, ha ringraziato gli Italiani per la fede che hanno riposto in lui e li ha salutati mandando un bacio a tutti.

Una parola di avvertimento: non e` un grande fan della Commissione Europea a Bruxells. Hanno l'abitudine di porgli domande riguardo possibili conflitti d'interesse fra il suo vasto impero economico e il suo lavoro quotidiano come politico. E` giusto per un primo ministro possedere 3 televisioni commerciali e uno dei principali quotidiani nazionali? Bruxells sembra dell'idea che sia importante, Berlusconi non vede il problema.

L'ultima volta che era in carica, i suoi piu` importanti alleati in campo internazionale erano Tony Blair e George Bush. Uno se n'e` gia` andato; l'altro se ne andra` in meno di un anno. Spartisce, con il presidente francese Nicolas Sarkozy, un amore per l'eccesso e l'insofferenza verso i metodi tradizionali di fare le cose. Dividono inoltre una mal celata debolezza verso le belle donne. Pertanto, ho il sospetto che andra` d'accordo molto di piu` con Sarkozy piuttosto che con Gordon Brown o Angela Merkel.

Thursday, 17 April 2008

Flashdance!

L'altra sera ho scaricato da Internet... ahem, volevo dire, noleggiato regolarmente nella mia videoteca di fiducia (!) Flashdance, che non rivedevo da parecchi anni.

Guardandolo mi sono chiesto che fine avesse fatto la protagonista, Jennifer Beals che aveva 20 anni nel 1983 quando il film e` stato girato e pertanto oggi ne ha 45. Ho subito trovato una sua foto e secondo me e` quasi piu` bella oggi di allora, anche se forse ha perso un po' della sua innocenza.

Questo e` il famoso spezzone dell'audizione e subito sotto una versione tratta da una pubblicita` australiana. Da notare l'attenzione nei dettagli in questa parodia... da morire dal ridere!

L'originale:



La parodia:

Wednesday, 16 April 2008

Meno male che Silvio c'e`!

Bisogna farsene una ragione: in alcuni blog leggo di gente che vuole emigrare, altri a lutto (Artemisia?!), insomma mi sembra un po' un'esagerazione... qualcuno pensera`: "eh, parli bene tu che te ne stai a Londra!", beh lo so, pero` non e` la fine del mondo...

Questa mattina ho parlato al telefono con mio padre, eterno ottimista (beato lui) e elencava i motivi per cui questi risultati non sono poi cosi' deleteri, vi ripropongo alcuni punti della sua analisi, cosi`, tanto per tirarci un po' su!
  • La destra ora ha un buon margine di vantaggio che gli consentira` di governare senza chiedere la fiducia ogni settimana come succedeva con Prodi, pertanto, si' e` vero il Pelatino fara` le sue leggi ad personam e proteggera` gli interessi degli imprenditori ma essendo privo degli ovvi conflitti interni che c'erano nel precedente governo, riuscira` con tutta probabilita` a governare stabilmente per 5 anni e a fare anche qualche cosa di buono per il Paese.
  • La Lega e` cresciuta molto; il fatto positivo e` che la Lega terra` in scacco il Governo e cerchera` di contenere i vari sprechi di denaro pubblico. Inoltre (questa osservazione e` mia), la Lega e` sempre stata un partito piu' vicino ai lavoratori rispetto al PdL e pertanto e` probabile che cerchi di difendere le fasce piu` povere.
  • Il Comunismo in Italia e` finito, fallito, non esiste piu`. Questi risultati elettorali dovrebbero essere una "wake-up call" (traduzione: calcio nel c..o!) alla Sinistra che si spera capisca che le parole non bastano piu', che c'e` bisogno di un rinnovamento vero, con persone nuove (non Veltroni, gia` nel PCI dal 1976!) e idee concrete.

  • Un ultimo punto ce lo aggiungo io: il Pelatino ha 72 anni, nessuno, nemmeno Lui, e` immortale!
Tutto qui, altre ragioni per essere ottimisti non ce ne sono... nel frattempo vi lascio con un video che ho visto anche sul blog di Pandoro e che sara` meglio iniziate ad imparare a memoria perche` probabilmente lo faranno cantare presto ai bambini nelle scuole ogni mattina prima delle lezioni: Meno Male che Silvio C'e`!




Tuesday, 15 April 2008

The Apprentice

Capisco che parlare di reality fa subito pensare a personaggi trogloditi, assetati di successo facile che pur di avere i loro 5 minuti di celebrita` non si vergognerebbero di fare nulla di fronte alle telecamere. Ma oggi vi voglio parlare di un reality un po' diverso, giunto qui in Gran Bretagna alla sua quarta edizione: The Apprentice (l'apprendista).

L'idea dietro a questo programma e` di mettere a confronto 16 giovani che dovranno dimostrare di avere quello che serve per essere scelti come braccio destro di Sir. Alan Sugar con uno stipendio a 6 cifre. La cosa bella quindi e` che alla fine di questo "colloquio di lavoro" infernale, una persona otterra` un lavoro vero.

L'intervistatore e` appunto Alan Sugar, un milionario di quelli che si sono costruiti da soli, all'Americana, fondatore della Amstrad (che sta per Alan Michael Sugar Trading=AMSTrad) che ancora oggi fornisce alla Sky tutti i ricevitori digitali. Dire che Alan Sugar e` intimidatorio e` un eufemismo: smaschera i concorrenti che provano a fregarlo in 2 secondi e conclude ogni programma con la celebre frase "you're fired!" (sei licenziato!) nell'eliminare ogni volta un candidato.

La struttura della trasmissione consiste nell'affidare un compito strettamente legato al mondo del commercio a 2 squadre (per esempio mandare le 2 squadre a vendere del pesce al mercato, fargli organizzare un'esposizione di quadri, mandarli in onda in una televendita); alla fine di ogni prova Alan Sugar sceglie, all'interno della squadra che ha guadagnato meno, il candidato che secondo il suo indiscutibile giudizio ha contribuito meno alla riuscita della task e lo licenzia.

Qui sotto il promo della trasmissione (edizione 2007).



Monday, 14 April 2008

San Francisco

In questi giorni si parla molto della fiamma olimpica e delle proteste che accompagnano il suo passaggio. Una delle ultime citta' interessate da questo evento controverso e`San Francisco. Come sempre cerco di dare un taglio un po' diverso ai miei post e percio` vorrei parlare oggi di questa citta` che ho avuto occasione di visitare nel settembre del 2006.
Delle 5 citta` americane che ho visitato (Miami, New York, Los Angeles, Las Vegas e San Francisco), quest'ultima e` indubbiamente quella che mi e` piaciuta di piu`e in cui, se dovessi scegliere, vivrei piu` volentieri.

Innanzitutto il clima. Non c'e` l'afa di Los Angeles o Miami, ma essendo comunque in California, d'inverno la temperatura raramente scende sotto lo zero e il sole splende per la maggior parte del tempo. E` una citta` in un certo senso europea, perche` molto concentrata, con un centro ben definito in cui e` facile orientarsi.
Come e` noto e` una citta` che e` stata costruita su colline e sembra quasi abbiano prima costruito le strade, tutte rettilinee come nella maggior parte delle citta` americane e poi, dal nulla un giorno siano comparse queste colline che hanno creato delle salite ripidissime e che rendono uno spostamento in macchina o un parcheggio veramente arduo, anche per chi normalmente al volante e` abbastanza abile (per non parlare delle auto con cambio automatico, ma questo e` un altro discorso...!).

Le colline offrono inoltre l'opportunita` di ammirare la citta` e la baia di San Francisco dall'alto che una citta` pressoche pianeggiante quale Londra non consente.

Un'altra caratteristica che rende la citta` piu` europea e` l'efficienza del trasporto pubblico che rende spesso superfluo l'uso dell'auto. Oltre ai noti tram elettrici, usati ormai esclusivamente da turisti, c'e` una linea di tram che invece serve la popolazione locale, che e` stata munita di tram d'epoca provenienti da tutto il mondo, compreso uno dei nostri tram milanesi con relativi avvisi all'interno in Italiano.

Il Golden Gate poi lascia veramente senza fiato. Forse esagero, ma vedendolo ha provocato in me la stessa sensazione di quando vidi la Tour Eiffel per la prima volta. Per via del jet lag, ho avuto occasione di visitarlo all'alba quando la nebbia che lo avvolgeva ha lasciato il posto al riverbero del sole. Il sottofondo era fornito dall'intermittente sirena delle navi che non riuscendosi a vedere segnalavano cosi' la propria presenza.

Per un turista le cose da vedere sono diverse e 3 o 4 giorni volano velocemente: dalla gita d'obbligo all'isola dove e` possibile visitare il carcere di Alcatraz, alla piazza principale, Union Square, alle colline piu` alte che dominano la citta`, chiamate Twin Peaks, alla Chinatown piu` popolosa d'America (dopo New York), al quartiere gay del Castro, alla zona turistica che si affaccia sulla baia chiamata Fisherman's Wharf.

In generale questa citta` mi ha dato un senso di tranquillita` che non sono riuscito a trovare negli altri centri che ho visitato; spero un giorno di poterci tornare.

Le foto (tranne la prima) sono mie, il video qui sotto ovviamente no, ma l'ho trovato molto bello.






Sunday, 13 April 2008

Who will drive it?

In linea di principio sono contrario alle pubblicita` di automobili e in particolare agli SUV, ma questa e` davvero divertente. Ricorda molto il film "La guerra dei Roses".

Friday, 11 April 2008

Il voto e il Consolato d'Italia a Londra

Prima Parte.

Come avevo gia' detto recentemente ho ricevuto le 2 schede per votare. Il voto degli italiani all'estero avviene per posta e pertanto invece che recarmi ad Consolato d'Italia a Londra, e` sufficiente spedire le schede.


La prassi non e` proprio semplicissima, ma comunque fattibile. Arrivano le 2 schede, un tagliando elettorale, una busta bianca e una busta preaffrancata con l'indirizzo del Consolato.


Si vota (o si annulla la scheda!), si mettono le schede nella busta bianca, si mette la busta bianca e il tagliando elettorale nella busta preaffrancata e si imbuca il tutto. Chiaro no?


Metto (o meglio credo di mettere..) il tutto nella borsa che mi porto al lavoro e in un momento di tranquillita` tiro fuori le schede, voto, ma della busta bianca non c'e` traccia! Sparita! L'avro' buttata insieme ad altre pubblicita` che ho ricevuto nella buchetta. E ora che si fa? Sito del Consolato d'Italia a Londra. Sembra ci sia una hotline proprio per chi ha domande sulle elezioni! Dalle 9 alle 14 (voglia di lavorare saltami addosso!), chiamo, 10 squilli, finalmente una signora si degna di sollevare la cornetta! Le dico quello che mi e` successo e le chiedo se posso infilare le schede in un'altra busta bianca... panico! L'operatrice che dovrebbe avere tutte le risposte una risposta non ce l'ha! Saro` l'unico ad avere mai perso una busta bianca mi chiedo? E gli altri che telefonano cosa mai le chiederanno? La ricetta per fare il Tiramisu`?!?


Deve chiedere alla capoufficio. Appoggia la cornetta sul tavolo ma non mi mette la musichetta (very professional!) cosicche` io sento tutto. La capoufficio sta uscendo: "Ciao, io vado a comprare da mangiare, tu vuoi qualcosa? Ah si' va bene, ti aspetto". Poi la mia ingenuona le chiede della mia busta e non capisco bene quello che le viene detto... passa un minuto e riprende la cornetta. "Si' non ci sono problemi, basta che lei usi un'altra busta bianca".


Sara` vero? Ci fidiamo dell'ingenuona e della capoufficio affamata?? Bah! Io ho spedito il tutto, vedremo!!!


Seconda Parte.

Per quanto riguarda una domanda che mi fece Artemisia tempo fa, riguardo alla mia situazione nel Regno Unito.


Facendo parte dell Unione Europea (non so per quanto ancora...!), un cittadino italiano puo` trasferirsi e vivere in un altro stato membro a tempo indeterminato e godere degli stessi diritti di chi e` nato in quella nazione (assistenza sanitaria gratuita, lavoro, etc.). Entro 6 mesi pero` bisogna iscriversi all' A.I.R.E. (Anagrafe Italiani Residenti all'Estero) presso appunto il Consolato Italiano. Cosi' facendo si riceveranno per esempio le schede elettorali al domicilio estero, si potra' rinnovare il passaporto Italiano presso il Consolato e il Comune di nascita Italiano verra' notificato del nuovo domicilio.


Dopo 5 anni di ininterrotta residenza nel Regno Unito nel rispetto delle leggi sull'immigrazione, un cittadino straniero (di qualsiasi nazionalita') puo' fare domanda per ottenere il passaporto Inglese e conseguire quindi la doppia nazionalita`. La situazione in questo caso cambia a seconda della provenienza, alcuni paesi non ammettono la doppia nazionalita' e prendendo il passaporto inglese si perde quello di origine.


Recentemente e` stato istituito un esame per ottenere il passaporto inglese in cui bisogna dimostrare di avere una buona padronanza della lingua nonche` conoscere le basi del sistema giuridico e civile del Regno Unito. Bisogna pagare una sostanziale cifra (circa £600) e giurare fedelta` alla Regina (!).


Nel mio caso non ci sarebbero molti vantaggi nell'ottenere un secondo passaporto, ma per Marco 2 (con passaporto Brasiliano), avrebbe piu` senso se non altro per evitare di fare la fila "cittadini non-EU" all'aeroporto! Abbiamo percio` deciso di studiare per questo esame e fare entrambi richiesta, ma per ora e` una di quelle cose che continuamo a rimandare...


Qui sotto un video che spiega la votazione dall'estero (c'e` anche la busta bianca che ho perso!); ovviamente quello non sono io...





... e una visione un po' meno politically correct...!



Ho fatto anche questo...!



PS: Non si vede molto... in pratica sono proprio sopra a Bertinotti (nel senso meno sessuale del termine!) e troppo vicino per i miei gusti a Boselli... Di Di Pietro non c'e` traccia in questo test... bah...

Thursday, 10 April 2008

Pioggia di rane...

L'altro giorno partecipando al meme musicale, ho ripensato al bellissimo film Magnolia.

Una delle scene piu` significative di questo film e` sicuramente la pioggia di rane; come si puo` notare dal filmato qui sotto al minuto 05:05, il regista ci informa che e` successo veramente ("but it did happen").

In effetti, una veloce ricerca su Internet mi ha confermato che questi fenomeni metereologici (se cosi` si possono chiamare) capitano, anche se molto raramente.

Nonostante ancora oggi non sia chiara l'origine di questo fenomeno, si pensa che gli animali che letteralmente piovono dal cielo (pesci, rane e uccelli sono i piu` comuni), siano "pescati" dal vento che li trasporta in tempi relativamente brevi a grande distanza.

In molte occasioni si riprendono velocemente dallo shock iniziale e continuano a vivere normalmente, mentre a volte gli animali sono congelati o addirittura sezionati.

Mentre e` piu` probabile che questo fenomeno avvenga durante un tornado che ovviamente ha la forza di sollevare oggetti e animali e trasportarli, episodi simili sono accaduti anche in condizioni metereologiche non particolarmente devastanti e in nazioni (il Regno Unito per esempio), in cui il clima e` piu` mite.

Riporto di seguito una lista di animali piovuti dal cielo:

Pesci

Cambridge, Maryland, 1828
Rahway, New Jersey, November 13, 1833
Aberdare, Glamorganshire, Wales, 1841
Singapore, February 22, 1861 [8]
Mountain Ash, Glamorganshire, Wales, February 9, 1859
Olneyville, Rhode Island, May 15, 1900
Tiller’s Ferry, South Carolina, June 1901 (catfish)
Marksville, Louisiana, October 23, 1947
Ranchi, India, July 1997
Great Yarmouth, Norfolk, August 8, 2000
Wiltshire, May 2001
Knighton, Powys, Wales, August 18, 2004
Paravur, Kerala, India May 2006
Peerumed, Kerala, India July 2006
Thaliparamba, Kerala, India 20 July 2006
Paracatu, Minas Gerais, Brazil February 14, 2007
Honduras Rain of Fishes (sembra che questo fenomeno avvenga almeno 2 volte all'anno da almeno un secolo)


Rane e rospi:

Trowbridge, Wiltshire, June 16, 1939
Leicester, Massachusetts, September 7, 1953
Cirencester, Gloucestershire, 1986
Llanddewi Brefi, Ceredigion (Cardiganshire), Wales, 1996
Villa Angel Flores, Mexico, June 1997
Croydon, London, March 1998
Odžaci, Serbia, July 3, 2005
Chistlehurst, Bromley, August 30 2007

Altri:
Un animale non identificato, forse una mucca cadde in California in piccoli pezzi nel 1869
Meduse caddero dal cielo a Bath, Gran Bretagna nel 1894
Vari tipi di uccelli, fra cui anatre, picchi e canarini a Baton Rouge, Louisiana, Novembre 1896
Vermi caddero dal cielo a Jennings, Louisiana, l'11 luglio, 2007.
La gente di Matagalpa, Nicaragua dice che tartarughe caddero dal cielo verso la fine degli anni 90.

Wednesday, 9 April 2008

Il libro digitale

Una delle ultime novita` nel campo della tecnologia e` il libro digitale. Amazon (il piu` importante sito di shopping online americano e inglese per libri, cd, dvd e elettronica) sponsorizza il Samsung Kindle che viene venduto negli Stati Uniti a $399.

In che cosa consiste? E` un computer grande circa quanto un normale libro (ma piu` sottile) con un grande schermo. Alcune versioni hanno anche una tastiera. L'uso principale di questo apparecchio consiste nella possibilita` di "scaricare" interi libri in circa un minuto tramite wireless Internet e leggerli con comodita`.

La critica piu` ovvia e`: perche` devo stancarmi gli occhi leggendo lo schermo di un computer? In realta` gli ideatori promettono che leggere un libro su Kindle e` equivalente a leggere su carta tradizionale perche` il display non e` illuminato e pertanto la lettura e` ottimale anche in ambienti aperti.

Il vantaggio principale ovviamente e` quello di non doversi portare dietro tanti libri e poterli scaricare velocemente senza dover cercare una libreria o aspettare la consegna a domicilio.

Kindle offre anche la possibilita` di leggere i principali quotidiani e collegarsi a 250 blog internazionali.

A mio parere il prezzo e` ancora troppo alto per giustificarne una diffusione importante ma potrebbe essere l'inizio di una nuova rivoluzione... "ma anche" no!*
*messaggio pubblicitario eletorale subliminale!

Ecco come il PdL cobatte la Mafia!

Da un articolo apparso ieri su Repubblica:

Quanto ai pentiti, poi, Dell'Utri dice di "conoscere quasi tutti i pentiti di mafia, ma oggi faccio fatica a individuarne uno sano, anche se ce ne saranno". In questo contesto arriva la quasi santificazione di Vittorio Mangano, lo stalliere di Arcore condannato nel 2000 all'ergastolo per associazione mafiosa. "Il fattore Vittorio Mangano, condannato in primo grado all'ergastolo - afferma Dell'Utri - è morto per causa mia. Era malato di cancro quando è entrato in carcere ed è stato ripetutamente invitato a fare dichiarazioni contro di me e il presidente Berlusconi. Se lo avesse fatto, lo avrebbero scarcerato con lauti premi e si sarebbe salvato. A modo suo è un eroe".

Tuesday, 8 April 2008

Non ci sono più le mezze stagioni...

Venerdì 4 aprile 2008 (18 gradi):







Domenica 6 aprile 2008 (0 gradi):








Monday, 7 April 2008

Londra vista da Pandoro

Mi e` piaciuto molto questo post di Pandoro che mi e` stato segnalato dalla fedele Artemisia. Mi ha fatto sorridere perche` molte delle sue osservazioni sono le stesse che facevo io nelle mie prime visite londinesi. Osservazioni che, con il tempo, si dimenticano: qualcuno diceva che "ci si abitua a tutto", no?

Mi e` stato chiesto di rispondere ad alcuni degli interrogativi che si pone questo ragazzo che -penso- per la prima volta e` venuto a Londra in gita scolastica, nonostante mi e` sembrato di capire che comunque altre volte sia gia` venuto nel Regno Unito durante l'estate.

Rumore. La prima osservazione di Fabio (questo il vero nome di Pandoro) e` che la notte, essendo l'albergo nei pressi della stazione di King's Cross, si sentivano spesso treni, ambulanze e polizia. Ti posso garantire che questo e` un problema molto comune qui. Io abito a Notting Hill, da molti considerata una delle zone piu` belle di Londra ma di ambulanze e polizia ne passa almeno una ogni 10 minuti. Una volta lessi una frase che mi rimase impressa: A Londra, ovunque tu sia, non troverai mai un posto in cui c'e` silenzio assoluto.

Riguardo la pulizia: Concordo pienamente sui graffiti; se ne vedono in zone un po' degradate o lungo le ferrovie, ma nel centro i palazzi non hanno graffiti al contrario di oramai tutte le altre citta` europee. Non credo che le strade siano cosi' pulite. Non ci sono "cacche di cane" e` vero, pena una multa salatissima, ma di carte in giro se ne vedono molte. I cestini non ci sono perche` e` molto facile nasconderci dentro delle bombe. Sono stati tolti ai tempi dell'IRA Irlandese e oggi sono ancora assenti per via degli attentati terroristici dell' 11 settembre e del 7 luglio proprio qui a Londra. Alcuni cestini ci sono, ma se ci hai fatto caso la fessura per introdurre i rifiuti e` molto stretta per impedire che ci si possa velocemente far cadere un ordigno.

Sono d'accordo anche su quello che dici riguardo all'estetica: i parchi di Londra sono famosi in tutto il mondo e, se fossi venuto un paio di mesi piu` tardi, avresti anche visto le decorazioni floreali nelle varie aiuole che sono bellissime. Il fatto che piova in continuazione ovviamente aiuta molto la vegetazione. In Italia si cucina, qui c'e` piu` l'hobby del giardinaggio!



E` vero anche il tuo commento sui prezzi, anche se Lillywhites non e` proprio il posto piu` economico...! Ma Primark sicuramente si`! E` un po' la LIDL dell'abbigliamento! 5 paia di calzini a £2... prova a batterlo!!! Come in tutte le citta` turistiche e` chiaro che nel centro i prezzi sono quello che sono ma abitandoci uno riesce sicuramente a spendere meno. Inoltre l'Euro in questo periodo e` MOLTO forte rispetto alla sterlina e quindi i prezzi sono scesi considerevolmente per un italiano. I primi anni tornavo dall'Italia con valige di roba, mentre ora comperare in Italia non conviene proprio piu` perche` spesso i prezzi sono gli stessi se non piu` alti. Mi limito a portare indietro leccornie di tipo alimentare!


Spero di aver risposto ad alcune delle tue domande. Ovviamente ognuno si fara` una propria idea, basata sulle esperienze personali. Mi piace molto il tuo atteggiamento comunque. Una cosa che non sopporto e` quando qualche turista viene a Londra e comincia a lamentarsi di tutto (gli Italiani vincono il primo premio per questo!): questo non mi piace, questo e` troppo caro, questo in Italia lo facciamo meglio, dov'e` la pasta, dov'e` l'espresso... certe volte quando in giro sento questi commenti mi viene voglia di girarmi e dire: "ma perche` allora non ci torni in Italia invece di venire qui a rompere i c...i???"! Scusate lo sfogo!!!

Povera patria...

Sunday, 6 April 2008

Saturday, 5 April 2008

Un video

OK, pensatene quello che volete, ma a me questo video piace molto...

Concentratevi su quello che succede alle spalle di Kylie e le persone che si moltiplicano ad ogni "giro"... ma come hanno fatto a farlo?!??!??

Friday, 4 April 2008

Bargain alert!!!

Ryanair ha voli a 10euro solo andata tasse e supplementi inclusi!!!

Prenotabili solo fino a lunedi`.


PS: Non lavoro per la Ryanair!!!

Come inserire un video da YouTube sul nostro blog in 10 punti

Prendo spunto oggi da un commento lasciatomi qualche giorno fa da Anna che mi confessava come non sapesse aggiungere un video preso da YouTube al proprio blog.

Questa risorsa e` molto interessante, perche` rende il blog piu` piacevole e, siccome ho visto che Anna nel suo blog e` riuscita a mettere la colonna sonora per non parlare dei fotomontaggi e vari widgets, sono sicuro che sara` un gioco da ragazzi per lei inserire i video una volta spiegato -spero- con chiarezza.
Bene, procediamo:
  1. Scrivere il post normalmente; al termine cliccare in alto a destra dove dice "Edit/Modifica Html".

  2. Aprire una seconda finestra di Internet e andare sul sito di YouTube

  3. Nello spazio di ricerca di YouTube scrivere il filmato che si sta cercando (per esempio: "marco travaglio annozero") e cliccare "Search".

  4. Nella pagina successiva avremo una lista di risultati; cliccare su quello che ci interessa.

  5. Ora abbiamo il nostro filmato che inizia nella finestra a sinistra. Premere la pausa per fermarlo (una volta che siamo sicuri che quello e` proprio quello che stiamo cercando e che vogliamo copiare sul nostro blog).

  6. Sulla destra del filmato appare una finestrella chiamata "Embeded code" come da foto qui sotto: cliccare con il tasto destro del mouse nella finestrella in modo da selezionare l'intero codice e scegliere "copia".


  7. Chiudere la finestra di YouTube e tornare sul nostro blog.
  8. Posizionarsi in fondo alla pagina, cliccare con il tasto destro del mouse e questa volta scegliere "incolla": il codice verra' copiato sul nostro blog.
  9. Cliccare su "Preview/anteprima" per verificare che il video sia stato inserito correttamente.
  10. Fine... non c'e` un decimo punto!!!
Questo video mostra piu` o meno quello che ho spiegato, ma per un'altra piattaforma. Il principio e` lo stesso comunque.

Thursday, 3 April 2008

E bbravo Giulianone!

Magari la prossima volta Giulianone ci pensa 2 volte prima di tornare a Bologna...

Meme letterario



OK, faccio anche questo! Luca e Saretta mi hanno invitato a trascrivere il passaggio più significativo della pagina 161 del mio libro preferito.

Il libro è "The Catcher in the Rye" di J.D.Salinger (titolo in italiano "il giovane Holden")... piccolo problema. Il libro è in inglese! Lo tradurrò alla meglio in italiano... non me ne vogliate se la traduzione non è perfetta!

"Dove cavolo sei?" ho detto alla vecchia Phoebe. Era così buio che non riuscivo a vederla.
"Qui" era proprio di fianco a me, non l'avevo neanche vista.
"Ho lasciato le mie fottute borse alla stazione" ho detto. "Senti, hai dei soldi Phoebe? Sono praticamente al verde".
"Solo i miei soldi di Natale. Per i regali. Non ho comperato ancora nulla".
"Oh". Non volevo prendere i suoi soldi di Natale.
"Ne vuoi un po'?".
"Non voglio prendere i tuoi soldi di Natale".
"Te ne posso prestare un po'". Poi l'ho sentita aprire i milioni cassetti nella scrivania di D.B. mentre cercava a tentoni con la sua mano. Era buio pesto nella camera. "Se te ne vai non mi vedrai alla recita" disse. La sua voce era strana.
"Sì che ti vedrò! Non me ne andrò prima della recita. Credi che me la perderei?" dissi "Probabilmente rimarrò a casa di Mr. Antolini fino a martedì notte, poi verrò a casa. Se avrò l'occasione ti telefonerò."
"Ecco". Stava cercando di darmi i soldi ma non riusciva a trovare la mia mano.
"Dove?"
Mise i soldi nella mia mano.
"Hey! Non ho bisogno di tutto questo! Dammi 2 dollari, è abbastanza. Non scherzo, tieni". Ho provato a ridarglieli ma non li voleva.
"Li puoi prendere tutti. Me li puoi restituire. Portali alla recita".
"Quanti sono perdio?"
"8 dollari e 85 cents. 65 cent, ne ho spesi un po'"
Poi, improvvisamente ho cominciato a piangere. Non ho resistito. L'ho fatto in modo che nessuno potesse sentire, ma l'ho fatto. La vecchia Phoebe si è spaventata a morte quando se n'è accorta e si è avvicinata e ha provato a farmi smettere, ma una volta che inizi non puoi smettere a comando. Ero seduto sul bordo del letto quando ho iniziato e lei mi ha messo il braccio intorno al collo e io ho fatto lo stesso ma non sono riuscito a smettere per molto tempo.


Questa volta questo meme non lo rilancio a nessuno PERO' vi chiedo un consiglio! Avete un libro da consigliarmi?
Deve avere alcuni requisiti!
  1. Deve essere di un autore anglosassone in modo che lo posa facilmente trovare anche qui a Londra

  2. Possibilmente non un mattone lunghissimo perchè mi annoi facilmente

  3. Magari ambientato ai giorni nostri...

Grazie!

Wednesday, 2 April 2008

Meme musicale

Mi riprometto di non accettare piu` alcun Meme, ma poi quando mi capita di vdermi citato in uno dei blog che leggo quotidianamente (quello di Franky in questo caso), non resisto e mi butto!

Elencare le mie 5 canzoni preferite in assoluto. Molto difficile e sono sicuro che la lista cambierebbe se la rifacessi domani, ma oggi mi sento di mettere queste, in ordine strettamente casuale:



  • Stop - Aimee Mann. Colonna sonora del bellissimo Magnolia in cui anche il mediocre Tom Cruise e` riuscito ad eccellere! Prendetevi questi 3 minuti e 40 secondi di assoluto relax...













  • Per continuare quella che il mio amico Tasca definirebbe una compilation "strappamutande" (!), la prossima e` una cover di una vecchia canzone dei Tears for Fears: Mad World - Gary Jules (il video e` tutto da guardare!)







"Once upon a time I was falling in love, now I'm only falling apart, nothing I can do it's total eclipse of the heart"... immortale!








  • Questa canzone e soprattutto il video che l'accompagna mi è sempre piaciuta. Forse la mia canzone preferita in assoluto. Bronski Beat - Smalltown Boy






E ora la dolce vendetta!!!



Rigiro questo meme ai seguenti:



L'immancabile Luca (presto faro anche quello della pagina 161, contaci)

La new entry Diego

La bella Valentina (per distrarla un po' dai suoi amori contrastati...)

Anna/Ms.Kappa (anche se un po' i suoi gusti li conosciamo gia` grazie all'accompagnamento musicale del suo blog!)

e rimane solo una nomination... ma come faccio... vorrei invitare sia Marina che LoveBike... Arte purtroppo so gia` che non partecipa e Saretta e` gia` stata invitata da Franky...

Tuesday, 1 April 2008

Parking suspension

Quando mancavano solo un paio d'ore al termine della giornata lavorativa, Marco 2 mi telefona. Il suo scooter non e` piu` dove l'aveva lasciato. Ora, senza fare della retorica, quando una cosa del genere succede a Londra, e` molto piu` probabile che non sia ad opera di delinquenti... o meglio, sempre di delinquenti si parla, ma questi sono autorizzati a farlo. Sto parlando naturalmente dell'equivalente locale della polizia municipale.


Lungi da me il voler giustificare la gente che parcheggia in doppia fila o dove non dovrebbe, ma il suo scooter era parcheggiato regolarmente in un parcheggio riservato a moto e scooter.


Perche` e` stato rimosso allora? Bene, vi presento le parking suspensions!!! Se per esempio qualcuno vuole fare un trasloco importante o se c'e` bisogno di accedere ad una proprieta` dalla strada per lavori di ristrutturazione di uno stabile, ci si puo` rivolgere al comune e riservare uno o piu` parcheggi per un certo tempo e renderli inutilizzabili al resto del pubblico.


Non fa una piega. Il bello deve ancora arrivare pero`! Il comune ha solo l'obbligo di attaccare un cartello come quello della foto a fianco del parcheggio che vuole rendere inutilizzabile (rullo di tamburi...) 3 giorni prima! Chi ha parcheggiato in precedenza in uno di questi spazi deve provvedere a spostare il veicolo prima dell'entrata in vigore della sospensione, pena la rimozione forzata!


E se uno va in vacanza una settimana? C...i suoi! E se uno per qualche giorno non passa dal parcheggio? C...i suoi! E se uno si ammala e rimane in casa per un po'? C...i suoi!


Chiusa la parentesi, torniamo alla cronaca. Quando ho ricevuto la telefonata, ho subito pensato alla rimozione e una veloce telefonata al Comune ha confermato che i premurosi vigili avevano in custodia lo Zip di Marco 2. Ma il bello deve ancora venire! Chiedo l'indirizzo della rimessa e cosa portare per provare la proprieta` del veicolo e naturalmente a quanto ammonta il "riscatto". Con nonchalance il buon vigile spara un £380 (quasi 500 euro!). Ora, io sono una persona molto moderata (nel senso meno politico del termine), ma sono sicuro che quando ho sentito questa cifra per un' "infrazione" che ai miei occhi era quasi inevitabile, il mio cuore ha mancato un paio di colpi.


Marco 2 e` comunque meno ragionevole di me, e forse in Brasile sono meno abituati a questo tipo di dittature mascherate da civilizzazione e percio` si e` lanciato in una serie di invettive (inutili ma liberatorie) contro le autorita`, dicendo che se lo potevano tenere il suo scooter, che lui non e` una banca, che li avrebbe portati in tribunale, che non avrebbe pagato, etc.


Considerato che per ogni giorno in piu` che lo scooter rimaneva nella rimessa la multa aumentava di £40 (!) mi sono offerto di andare a recuperarlo io.


Fort Knox in confronto di questo deposito era una localita` di villeggiatura. Il povero omino che gestiva il "servizio clienti" era barricato dietro uno spesso vetro e alle spalle aveva una porta che si apriva solo tramite combinazione.


Non avevo intenzione di urlare, nemmeno di piangere e appellarmi al suo buon cuore; ero sicuro che le aveva gia` viste tutte. Volevo pagare, prendere lo scooter e andarmene. Presentata la delega e i vari documenti di riconoscimento la faccia dell'omino si rilassa, mi guarda e dice: "Good News!".


Alche` io penso che buone notizie ci possono essere in questa giornata di m...a? E invece no. Per non so quale motivo, per non so quale santo, l'omino ha voluto essere buono.


La multa (£60) non me la poteva proprio togliere ma, per questa volta, mi avrebbe cancellato la rimozione (£200) e il parcheggio (£40x3=£120). In pratica con una frase mi ha scontato £320!


Gli angeli ci sono veramente, sono fra di noi anche se a volte prendono le sembianze di un omino libanese di mezza eta` con un incipiente calvizia.