Tuesday, 27 May 2008

Life after People

Ieri sera su Channel 4 c'era questo documentario in cui ipotizzava cosa sarebbe successo se improvvisamente l'intera popolazione umana sparisse dal pianeta.

La maggior parte delle centrali elettriche presenti oggi funziona grazie a materiali fossili che l'uomo continuamente deve fornire. Dopo un solo giorno senza l'intervanto umano l'elettricita' scomparirebbe quasi ovunque e le nostre citta' rimarebbero al buio.

I nostri animali domestici, in particolare i cani di piccola taglia, hanno bisogno noi perche` troppo abituati a trovare il cibo pronto e quindi morirebbero presto. I cani piu` grandi e i gatti che riuscissero ad abbandonare le case probabilmente sopravviverebbero.
Citta` come Londra e New York hanno un'immensa rete di tunnel sotterranei (fogne, tubature, trasporto metropolitano, etc.). questi tunnel sono soggetti ad infiltrazioni d'acqua e un sistema di pompe (circa 400 solo a Londra) li mantiene quotidianamente asciutti. Se venisse a mancare l'elettricita' le pompe smetterebbero di funzionare e i tunnel si riempirebbero d'acqua nel giro di pochi giorni. In seguito New York e Londra verrebbero lentamente sommerse dal basso e scomparirebbero nel giro di pochi anni.

Strutture imponenti come la Tour Eiffel o il Golden Gate di San Francisco hanno bisogno di una costante manutenzione. La prima viene verniciata ogni 7 anni, il secondo ogni 12. Nel giro di qualche decennio senza l'uomo la vernice inizierebbe a staccarsi e il metallo ad arrugginire fino ad un crollo di tutte le strutture piu` imponenti.

In una scala meno spettacolare, anche le 600 milioni di auto presenti oggi sul pianeta scomparirebbero nello stesso modo.

I grattaceli delle grandi metropoli presto perderebbero i vetri e diventerebbero delle vere e proprie biosfere verticali in cui animali e vegetazione potrebbero crescere in numero.

Gli oceani avrebbero occasione di prendere un respiro dalla pressione che l'uomo esercita e la fauna marina si moltiplicherebbe in modo considerevole, a sua volta aumentando il numero di uccelli che si nutrono di pesce.

Le citta` non sarebbero piu` difese dai fenomeni naturali (incendi provocati da fulmini, tornado, alluvioni, etc.) e la vegetazione presto approfitterebbe di ogni piccola crepa nel cemento per rivendicare il proprio dominio.

Si sarebbero perse ogni traccia del bagaglio culturale umano: la carta deperisce velocemente, i CD e i DVD nel giro di 30 anni cosiccome le pellicole cinematografiche. Ironicamente le uniche tracce dell'umanita` che rimarrebbero per alcuni secoli sarebbero quelle per esempio degli antichi Egizi, scolpite su pietra.

Anche delle opere umane le ultime a scomparire sono le piu` antiche come per esempio le Piramidi e la Muraglia Cinese.

Fra 1000 anni non rimarebbe traccia alcuna della popolazione umana sulla terra; un attimo nella storia del nostro pianeta.




3 comments:

stefanodilettomanoppello said...

sono le migliori prospettive che il nostro pianeta possa augurarsi(e la prima frase che scrivo senza ironia oggi, merito un premio)

Donna Cannone said...

Non sarebbe così male, eh!

Pandoro said...

Bello... il trailer e la trama